mercoledì 31 dicembre 2008

Firenze: la mia prima maratona

Copia di P1020980 - ritaglio

Ecco il mio resoconto dopo u n mese esatto dalla Firenze Marathon 2008. Beh mettiamola così ora posso essere meno emotivo anche se i ricordi sono limpidi e le sensazioni fresche. Non voglio fare una relazione tecnica della corsa, né voglio fare una cronistoria della giornata: voglio solo proporre il mio racconto libero.

Firenze, la mia prima prova sulla distanza epica dei 42 e rotti, mi ha messo davanti ad una sfida vera con me stesso. Ho scelto materiali, scarpe, abbigliamento, tecnica di allenamento, strategia di gara... ora si fanno i conti. Non avrei potuto sbagliare, sotto quel traguardo in pazza Santa Croce ci sarei passato ad ogni costo.

Può sembrare strano o irriverente ma in realtà correre la Maratona di Firenze è stato più facile di quanto mi aspettassi. Mi ero preparato psicologicamente a scontrarmi con quel famoso muro che invece non è arrivato, ero pronto ad affrontare le gambe che non avrebbero voluto sentirne di girare, ero pronto a sopportare anche una dura prova fisica di intensa fatica, ero pronto anche all'eventualità che la mia brutta tendinite si facesse risentire. Nulla.

Ho corso bene, con grande regolarità su un ritmo che mi avrebbe accompagnato verso le 4 ore e mezza. Da subito sono riuscito ad ottenere una grande concentrazione e riuscivo ad ascoltare tutti i piccoli messaggi che il mio corpo mi trasmetteva. Via così.. i chilometri passavano uno dietro l'altro ed io correvo quasi allienato: guardavo la mia falcata regolare, controllavo la postura, qualche volta il cronometro. Ero determinato ma anche molto tranquillo sulle mie possibilità anche se terminare una maratona dopo solo un anno di corsa era sicuramente un po' un azzardo.

Passavo accanto all'Arno e mi sovvenivano ricordi di allenamenti sul quel percorso che costeggia il mio amato fiume Mincio. Accadeva spesso che di prima mattina mentre mi allenavo sulla riva del fiume qualche oca in perfetta fila indiana mi si affiancasse volando a filo d'acqua; le ali stavano là, aperte, tese: meraviglia ogni volta.

La vista di qualche corridore che camminava e che arrancava mi faceva tornare alla mente le enormi sofferenze patite durante i primi lunghissimi in piena estate. Tutta la maratona è stata un continuo flashback di episodi, situazioni vissute per la sua preparazione. E in effetti è così: la Maratona stessa è la sintesi di una stagione di duri allenamenti, correrla preparati può sembrare perfino abbastanza semplice ma arrivare preparati è davvero durissima.

Corro, corro, corro, mi sembra di non fermarmi mai. E penso anche al motivo che mi ha spinto ad essere lì e mentre cominciavo ad entrare nel centro storico di Firenze, un improvvisa fortissima emozione. La sensazione di star facendo qualcosa di straordinario in un contesto dove l'arte regna e la mano di Dio è evidente.

Penso che sto correndo per sentirmi libero, per incontrare quell'indescrivibile sensazione che si prova tra la fatica e il piacere. Sto correndo per i miei piccoli.. all'arrivo erano là pazientemente ad aspettarmi. E quando mi hanno messo la medaglia al collo... "il mio papà ha vinto!! Il mio papà ha vinto!!". Ho impegato quanche giorno per spiegare alle maestre d'asilo e alla mamme dei loro amichetti che in realtà non ero arrivato primo alla maratona di Firenze, ma che importa.. per loro era come se avessi vinto realmente.

Sto correndo per i miei amici che, come per le partite dei mondiali, si erano ritrovati davanti a Rai3 ed internet con pop-corn, birra e papatine per vedere la telecronaca e seguirmi ad ogni passaggio.. Corro e mi sembra di sentirli..

Sto correndo per i tanti nuovi amici che la corsa mi ha permesso di conoscere.  Lungo il percorso incontro anche super tifosi come Daniele e Cristiano che mi gruda: "Vai Claudio mancano solo 800m, corriiiiiii!!!!!!!!!!"

Taglio davvero il traguardo dopo uno sprint finale: 4:27:20. Vedo subito Donata che, pazientemente per sedici lunghissime settimane, ha sopportato i miei allenamenti: lei è felice perchè lo sono io e senza dire nulla si unisce al mio pianto liberatorio. Ce l'ho fatta Donata, ho corso anche per te.

La Maratona mi ha insegnato a non correre contro me stesso ma a correre per me stesso: mi ha insegnato disciplina, costanza e perseveranza, determinazione, sopportazione, forza mentale prima che fisica.

Ora questo piccolo blog, che è servito ad accompagnarmi in questa avventura lunga più di un anno, ha finito il suo grande compito. Ora cercherò nuovi obiettivi e nuovi modi per raggiungerli.

Sono felicissimo e voglio gridare a tutti davvero GRAZIE!!!

19 commenti:

Ale_1957 ha detto...

Grazie a te Claudio che ci hai emozionati con questo racconto. Non chiudere il blog, continua qui a scrivere di nuove emozioni, nuovi traguardi, nuove belle cose. Ciao!

Fatdaddy ha detto...

Mancava la ciliegina su una torta bellissima, ed ora è arrivata con la tua intensa cronaca...
Spiace che il blog svanisca, però comprendo anche la ricerca di nuovi stimoli e strumenti per descriverli.
Resta questo bel blog (che si chiude come un romanzo virtuale con l'happy end) ma soprattutto un'amicizia che di virtuale ha ben poco!
Buone corse Clà, ti aspetto a Verona (ci sarai, nevvero?)!

Dani Uboldi ha detto...

Ora sarebbe un peccato far tacere il tuo il blog! se guardi meglio! un altro obiettivo è dietro l'angolo!!!

Dani Uboldi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Mathias ha detto...

no vabbè ma io penso non lo chiudi vero cla.. grandissimo marathon finisher!!

GIAN CARLO ha detto...

Bella cronaca e emozioni vive anche a 35 giorni di distanza.
Tranquillo, noi che non hai vinto lo abbiam capito subito :-)
Ma vincerai ancora ogni qualvolta ripercorrerai quei 42km e rotti

MauroB2R ha detto...

Ciao Claudio. Aspettavo da tanto il resoconto e mi pareva strano che non avessi scritto nulla....
Ma fammi capire, ora non stai più correndo? sarebbe davvero un peccato, come han detto altri prima di me, chiudere questo spazio.

Alvin ha detto...

"Ora questo piccolo blog, che è servito ad accompagnarmi in questa avventura lunga più di un anno, ha finito il suo grande compito. Ora cercherò nuovi obiettivi e nuovi modi per raggiungerli." e aggiungo..."ora è meglio che non chiudi il Blog se no te spezzo in due"....e dai Claudio....bel racconto, serio e garbato....
Ciao!!!!!!!

uscuru ha detto...

racconto "toccante", bello...
la mara, la senti dentro, mille pensieri, mille immagini.
ora ke l'hai fatta, devi darti un altro OBBIETTIVO, ma togliti dalla testa di kiudere il blog, abbiamo bisogno , l'uno dell'altro.
e non e' vero ke ki non "posta", non ti segue!!

Monica ha detto...

ci sei mancato in questi mesi e se chiudi baracche e burattini giuro che piango :(

un bacio e spero che ci ripensi.

franchino ha detto...

Belissimo racconto Claudio! Spero abbiamo interpretato male le ultime righe...

Micio1970 ha detto...

Ogni fine è un inizio ... facci sapere dove e complimneti per l'ultimo racconto!

Anonimo ha detto...

Per laf orza che mi hai trasmesso, i consigli che mi hai dato, il riferimento...scusa, non ma non potrei trattenermi dal venire a ponti a prenderti a calci nel sedere... scrivi poco ma scrivi..è una minaccia..giuro.. cacchio vuoi lasciarci soli? il leggo repubblica, il meteo ed il tuo blog..già mi girava che x un mese mi hai lasciato li come un salame per questo benedetto resoconto!?!?!
guarda che hai appena cominciato a raccontare...!!! Forza Cla!! anche i ns. messaggi sono stimoli nuovi!!! Un abbraccio (oggi mi firmo,cosi sai chi ti minaccia!!?!?!) Efisio

Daniele ha detto...

Bel racconto che rivive in maniera molto limpida le emozioni di un qualcosa di indimenticabile... ma con finale a sorpresa.. e no, Claudio, cavolo! Mi unisco al coro: ripensaci!

Mathias ha detto...

in aggiunta: e la sfida con monica sulla mezza..vuoi dargliela vinta così? :)

Claudio72 ha detto...

Ciao ragazzi. Grazie ancora a ciascuno di voi. Non vi libererete tanto facilmente da me! Continuerò ad essere un vostro grande lettore.. il più accanito commentatore, e (naturalmente) continuerò a correre!

runners per caso ha detto...

leggo solo ora il racconto..che meozioni che hai trasmesso cavolo! giuro sembrava di essere li con te ed era coem se la maraotna si fosse svolta ieri.. ammazza ohoh per le ultime righe..sono fiduciosa.. quando la "mara" ti prende non ti lascia sopratutto ci sono nuovi obiettivi, il primo dei quali è: prendi le scarpette ed esci a correre..ci sono tante gare tutte le domeniche, tante mezze maratone e anche tante altre maratone s hai fatto 4:27 insisti e la prossima sarà l'obiettivo 4 ore
ciao grande..il tuo blog è nei preferiti ..non vorrai mica diemnticarti di noi e di raccontarci di te vero?
buon anno

Daniela ha detto...

Bel blog Claudio! Ma lo sai che abbiamo lo stesso cognome? Sei anche mantovano come me?

Claudio72 ha detto...

Grande Dani! Quasi parenti allora...
Bello il tuo blog! Mi sa che me lo metto tra i preferiti

keyword

correre, jogging, running, podismo, podistica, podista, atletica, amatore
 
Clicky Web Analytics