venerdì 8 febbraio 2008

Aaaaarggghhh!!!! una contrattura!!!!!!



AAAHHHHH!!!!! Nooooo!!! No cavolo! non ci voleva!!!!


Stasera, volendo uscire per l'ultimo allenamento di rifinitura in vista della gara di Domanica, mi sono portato sul lungolago a Peschiera per una corsetta lenta di 6 km. E pensare che mi sono coperto anche abbastanza bene. ma forse per un colpo di vendo freddo improvviso e forse per il mancato stretching iniziale dopo un chilometro di corsa lenta ho avvertito un dolore acuto al polpaccio destro. Ho pensato: "No cavolo, no! Dai non è niente, adesso faccio un po di stretching e vedrai che poassa". Invece il dolore persisteva, anzi aumentava! "Meglio smettere" ho pensato.
Mi fa male cacchio!!! Ma non è possibile a un giorno dalla gara!!! Ma dai!!!!
Sarà una contrattura? Uno stiramento? Solo un crampo? Mah!
Ho passato la serata a leggere articoli sui rimedi...

Albanesi fa un bell'articolo sulla contrattura muscolare.

Per contrattura da sport si intende l'aumento involontario e permanente del tono muscolare (che può durare al massimo 3-7 giorni) durante o a seguito dell'attività sportiva. I sintomi sono rappresentati dalla sensazione che il muscolo si opponga all'allungamento rimanendo contratto; il dolore è anche evocato alla palpazione che permette a sua volta, di notare l'ipertonia delle fibre muscolari. La comparsa dei sintomi avviene spesso con una latenza di 8-24 ore; le fibre muscolari contratte comunque sono sane, ma non è da escludere che il muscolo interessato presenti piccole lesioni (elongazioni di sole alcune fibre muscolari) che evochino proprio una contrattura antalgica.

Cause – Attualmente le cause precise delle contratture non sono ben definite; sicuramente uno sforzo non adeguato al proprio grado di allenamento può dare diversi problemi, tra i quali, proprio una contrattura. Tra le cause ipotizzate da diversi autori troviamo:

  • riscaldamento insufficiente.
  • condizioni di fatica, in particolar modo associata a contrazioni eccentriche
  • problemi anatomici e funzionali come asimmetrie degli arti, difetti posturali, debolezza di alcuni gruppi muscolari, squilibri indotti dall'allenamento (per esempio il potenziamento fatto male) ecc.
  • eccessiva tensione emotiva che sfocia in un'attivazione troppo elevata.
Trattamento – Alla comparsa dei sintomi è necessario astenersi da tutte le attività che evochino fastidio o dolore alla zona interessata. Se si tratta di una semplice contrattura anche il trattamento conservativo (banalmente, il solo riposo!) permette nell'arco di 3-7 giorni (a seconda dell'aumento del tono muscolare) di far scomparire la sintomatologia.
Nel caso si voglia accelerare il recupero, i mezzi da attuare sono quelli che permettono di distendere la muscolatura senza provocare lesioni e migliorare il recupero muscolare.

Visto che le cause precise delle contratture non sono ben definite, è difficile ipotizzare rimedi validi per tutte le situazioni; tra i più gettonati sono da ricordare: Massaggi, Esercizi di mobilità attiva, assunzione di miorilassanti e FANS, Strech and spray, cicli di contrazione/rilasciamento, impacchi caldo-umidi, elettrostimolazione, fanghi termali

Conclusioni
La terapia di elezione della contrattura dello sportivo dovrebbe essere il riposo sportivo, cioè l'assenza da quelle attività che evochino dolore e/o fastidio alla zona interessata.


CHE COSA?!?!

3-7 giorni di stop??? Riposo assoluto, sospendere la competizione????

..adesso me ne vado a letto e non ci penso, vediamo domani mattina come siamo messi!

4 commenti:

Mathias ha detto...

Cavolo ma che sfiga..come va oggi?

Claudio ha detto...

Non sento dolore... ma il trauma permane. Non vado.

Pimpra ha detto...

MA COME !!!!! DEVO ANDARE AGLI EUROPEI DEI VECCHIETTI A LUBIANA E IL POLPACCIO MI FA MALISSIMO!!!!

RIPOSOOO? NON ME LO POSSO PERMETTERE!!!!

Claudio ha detto...

Beh puoi sempre lasciare le corse dei vecchietti e correre tra i disabili! ;-)

keyword

correre, jogging, running, podismo, podistica, podista, atletica, amatore
 
Clicky Web Analytics